avro-cura-di-te-gramellini-gamberale
Share

Venendo dalla lettura di un crogiolo di complicatezza esistenziale come La stanza di Therese di Francesco D’Isa non posso che apprezzare la semplicità di Avrò cura di te di Gramellini e Gamberale (edito prima Longanesi e poi TEA): come dice il buon angelo Filèmone, coprotagonista del romanzo (e Calvino prima di lui), leggerezza non è sinonimo di superficialità e solo i superficiali scambiano la pesantezza per profondità.

Ecco, questo libro è lieve e profondissimo.

 

– TEMPO DI LETTURA 3 MINUTI – 

 

La trama (e la potenza dei sentimenti comuni).

In Avrò cura di te Gramellini e Gamberale ci raccontano la storia di una donna, Gioconda e del suo improbabile scambio epistolare col suo angelo custode, Filèmone.

Giò sta uscendo da una storia d’amore finita male. Ha avvertito un dolore, un’insoddisfazione, ha agito di conseguenza e la storia è finita. Adesso vive i sensi di colpa, vive il e se non mi fossi comportata così. Compito di Filèmone è farle capire che va bene così. Che è tutto a posto, che va bene anche comportarsi male a volte perché spesso, il nostro comportarci male, non è altro che la nostra risposta inconscia a una domanda, a un problema, un disagio.

 

 

Avete pregiudizi su Gramellini?

Ricordo la furia con cui un – a quanto pare – promettente scrittore emergente, per altro mio conterraneo, che ho avuto il piacere di conoscere qualche anno fa, si scagliava contro Gramellini, prendendolo come esempio balenante della crisi del giornalismo italiano e dei contenuti in generale.

E’ vero, Gramellini, ad uno sguardo superficiale potrebbe dare proprio quell’impressione lì. Un giornalista buono, bonaccione e buonista che ha speso gli ultimi anni della sua carriera a rispondere alla posta del cuore. Ma se si va poco oltre il primo banalissimo giudizio senza analisi che potrebbe dare chiunque ma ci si sofferma a leggere veramente ciò che scrive Gramellini ci si rende presto conto che di buonista, di superficiale, nella sua scrittura non c’è proprio nulla.

E nell’impresa di parlare di una cosa così semplice e a portata di mano come i sentimenti umani si fa accompagnare da un’altra penna a mio avviso sottovalutata del panorama letterario italiano: Chiara Gamberale.

Ascoltami meglio, Giò: la distanza e la gelosia deformano la percezione dei sentimenti. Ti manca l’iPud Leonardo [ ex di Giò – ndr ] o la sensazione di possederlo in esclusiva? Ti sei già dimenticata che quando era tuo lo sbatacchiavi contro tutti gli spigoli e spesso non ricordavi nemmeno dove lo avevi lasciato?

 

Massimo Gramellini e Chiara Gamberale, la foto proviene dal canale YouTube de IlLibraio

 

E della Gamberale, cosa ne pensiamo?

Anche lei. Mhm, leggerina. E che ben venga questo tipo di leggerino! Quel leggerino che ti parla di una cosa così banale e superficiale come l’amore che, guarda un po’, è una delle pochissime cose che accomuna tutti, che ci rende tutti simili.

Sfido il caro scrittore emergente conterraneo a negare di aver mai sospirato per amore. Di non aver mai fatto tutte le cose più banali e sdolcinate che abbiamo fatto tutti e di cui un po’ ci vergogniamo.

Gamberale e Gramellini ci dicono proprio questo: non ti vergognare.

Non ti vergognare se hai sospirato per amore, se hai fantasticato sul collega della scrivania accanto pur avendo un compagn*, se ti sei ritrovato sol* e sperdut* dopo una brutta delusione. Se hai tradito. Non ti vergognare della tua banalissima umanità.
Perché siamo tutti lì, dentro quel calderone, a sguazzare dentro le nostre imperfezioni.

La forza di questo libro, a mio avviso, sta proprio nel fatto di metterci a nostro agio, nel trasmetterci l’idea che, in amore, nessuno sa già com’è giusto comportarsi, che può capitare di fallire, di ferire chi ci ama e che è perfettamente normale, dolorosissimo, atroce, ma perfettamente normale.

La leggerezza non è parente della superficialità, a differenza di quanto sostengono i superficiali che scambiano la pesantezza per profondità di pensiero.


Se volete acquistare il libro potete cliccare sul seguente link e fare guadagnare una piccola commissione Amazon ad AmaranthineMess – bookblog


 

Avrò cura di te Gramellini e Gamberale

Avrò cura di te

di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale

ed. Longanesi

186 pagine

8,50€ – 3,99€ (ebook)

 

 

Summary
Review Date
Reviewed Item
Avrò cura di te
Author Rating
41star1star1star1stargray
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *