libri sotto l'albero
Share

Libri sotto l’albero: il regalo più bello, da ogni punto di vista. Da donare, da ricevere, da impacchettare e da scartare.

Il mio consorte ha un criterio ben definito per farmi un regalo: lui non mi compra una cosa che voglio, lui mi compra una cosa che non so di volere.

E’ un criterio affascinante che mi ha sempre portato grandi e bellissime sorprese e mi ha spesso aperto le porte verso argomenti che conoscevo poco. Ovviamente, un criterio di questo tipo implica che la persona che fa il regalo conosca perfettamente chi deve riceverlo. E per fortuna il consorte, se la cava.

Faccio questa premessa perché in questo post non vedrete neppure uno dei libri di cui vi ho parlato nell’ultimo periodo o che qui o su Instragram vi ho detto di voler acquistare.

I manoscritti, la piccola archeologa che è in me

Archeologa non è il termine giusto, non fate i puntigliosi. C’è una parte di me che è profondamente attratta dall’antichità e, neanche a dirlo, dai libri antichi. In più, nell’ultimo periodo, trovandomi a preparare un esame di Filologia germanica, ho rispolverato le nozioni sulla tradizione manoscritta germanica e credo che questo mio ritrovato entusiasmo abbia guidato il consorte verso il primo dei miei libri sotto l’albero: Storia di dodici manoscritti di Christopher De Hamel edito Mondadori.

libri sotto l'albero manoscritti

libri sotto l'albero newsletter

Il mio grande amore, Virginia Woolf

Il secondo dei libri sotto l’albero è Diario di una scrittrice di Virginia Woolf, edito Minimum fax.

Non mi stancherò mai di leggere Virginia Woolf e su Virginia Woolf. Era una donna affascinante, tormentata, volitiva eppure estremamente vulnerabile. Finalmente fra le mie mani i suoi diari, pubblicati postumi dall’amato Leonard. Ho un po’ paura di leggerli, devo dirlo. Una paura fortissima di trovarmi davanti al genio ma diluito nelle pagine di tutti i giorni, in quelle che scriveva ogni pomeriggio per esercitarsi ed essere una scrittrice migliore.

libri sotto l'albero virginia woolf

Generici Statici Image Banner 760 x 54

Un altro grande amore? La cultura nordica

Quando avevo 9 anni ho fatto un viaggio. Sono stata in giro per la Scandinavia per circa un mese e l’ho trovata incantevole. Da allora amo profondamente quella cultura e ultimamente, come vi dicevo, ho ricominciato a studiarne le origini. Così il consorte è arrivato con questo gioiellino: il terzo dei libri sotto l’albero è Miti e leggende del Nord di Vilhelm Gronbech, edito Einaudi.

libri sotto l'albero gronbech



 

L’ultimo dei libri sotto l’albero è un grande classico

Beh, di questo mi avete sentito parlare, eccome se mi avete sentito.

L’ultimo dei libri sotto l’albero è Canto di Natale di Charles Dickens nella sua versione illustrata da P. J. Lynch (edito BUR). Canto di Natale ha un precedente nella storia mia e del consorte: il primo Natale passato insieme, abbiamo trovato una vecchia edizione in una bancarella e l’abbiamo comprata. Quindi aldilà del fatto che adoro quella storia e che adoro le illustrazioni di Lynch, questo libro ha anche un significato particolare per la nostra storia.

libri sotto l'albero dickens

Aspetto con ansia di conoscere i vostri libri sotto l’albero 🙂


Giocattoli Image Banner 320 x 100

Ti potrebbe interessare anche:

Share

One thought on “Libri sotto l’albero | Cosa ho ricevuto per Natale”

  1. Il mio matito di Natale, ha optato per un paio di libri di Tolkien, o meglio tre, in quanto il terzo è frutto dell’algoritmo di Amazon (😂): Il cacciatore di Draghi, Il medioevo e il fantastico, Lettere di Babbo Natale.
    E un paio di desing d’interni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.